[…] Definirò “luna che mai avrei potuto pretendere”, il mio perenne e prediletto miraggio. Soltanto un invisibile poema, scritto di un inchiostro latteo, verso di lei può viaggiare. Bianco su bianco, affinché si comprenda che non erano poi tanto diversi dai tuoi, quegli ineluttabili propositi che da me più non t’aspetti. […] 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *